venerdì 21 giugno 2013

Sarò in grado?

Finalmente la fine di tutte quelle attività invernali che ci costringono a ritmi sostenuti. Le nostre giornate convulse ed iperattive hanno lasciano spazio a giornate dove addirittura si assapora la noia. L'affanno nel far coincidere orari saggi, recite e pratiche di fine anno si trasforma in gioia di stare insieme e di godere dei momenti liberi.
Quest'anno però per noi c'è qualcosa in più che se da una parte ci rende felici e desiderosi di crescere dall'altra ci rende tristi per un ciclo che si conclude. Sembra ieri quando per la prima volta hai attraversato quel cortile con gli occhi lucidi e il peso di una zaino più grande di te. Quelle scale per arrivare al secondo piano ci hanno preoccupato a lungo. Per fortuna le stagioni e i tempi della vita non consentono soste e improvvisamente ti sei  ritrovata a correrle quelle scale. Questo è senza dubbio un momento di passaggio che non ci lascia indifferenti.

Durante questi 5 anni hai imparato tanto ma soprattutto hai appreso a vivere insieme stabilendo rapporti di fiducia, amicizia e complicità. Hai avuto la fortuna di appoggiarti a due maestre che ricorderemo a lungo e con molto affetto. Si è chiuso così un altro importante capitolo, forse uno dei principali. Sei pronta ad entrare nel "mondo dei grandi"...tu si, ma, io?
Sarò in grado di camminare su quella sottile linea tra educazione e libertà? Riuscirò a conciliare le tue richieste condizionate dalla società o dal desiderio di autonomia con il mio essere mamma apprensiva? Riuscirò ad insegnarti che non importa uniformarsi ma essere unici?
Se ti vedrò di nuovo correre felice come l'ultimo giorno di scuola dove inaspettatamente ti sei divertita molto unendoti alla mischia e lasciandoti rovesciare sulla testa intere bottiglie d'acqua forse mi sentirò sulla strada giusta. Mi  sono anche presa un giorno libero per assistere alla "gavettone terapia".
Sono questi i giorni che un genitore non dovrebbe perdere perchè in quei giorni sono i nostri figli ad insegnare. Ci insegnano che a volte è doveroso accettare e non correggere, che il nostro compito e di far uscire le potenzialità nascoste e non giudicare quelle esistenti. Ed è proprio con bambini fragili e complessi come te che facilmente si sbaglia. Tu difficilmente disubbidisci e difficilmente esprimi i tuoi desideri. Hai timore di ferire esprimendo un giudizio contrario, ti preoccupi di reazioni e conseguenze più del dovuto. Però a quel pomeriggio di gavettoni non hai voluto rinunciare nonostante una mano ed un orecchio che non potevano bagnarsi, nonostante il tuo essere timorosa. Allora mi sono detta che dovevo fare di tutto per non far diventare quella mano e quell'orecchio un impedimento!


  

16 commenti:

  1. Che bel momento. Nel leggere la descrizione che hai fatto di tua figlia mi sembrava di leggere la mia. Sono sempre stata come lei per motivi molto complicati e lo sono ancora adesso.
    Spesso penso che mi sto perdendo parecchio e quello che ho già perso non lo recupero.
    Ti dirò in tutta franchezza che buona parte è dovuto ai miei genitori.
    Quindi mi sento di dirti.. devi farcela, per lei. E so che ce la farai!

    RispondiElimina
  2. Sono momenti meravigliosi che ricorderai sempre. Ma ce ne saranno di altrettanto belli in seguito, fidati. Ci sono passata. E il primo giorno delle medie... delle superiori...il 110 e lode all'università... Esserci e condividere i loro successi è una gioia sempre. Sei stata molto brava finora, mi sembra, quindi guarda al futuro con ottimismo.

    RispondiElimina
  3. Stai serena Giorgia, finisce un ciclo e ne ricomincia un altro ma tu sarai sempre la stessa mamma attenta

    RispondiElimina
  4. bellissima la tua piccola!!! che emozione un percorso che si chiude e un'altro più grande che se ne apre...noi l'anno prossimo cominciamo, come dice mio figlio, "la scuola dei grandi"!!;-))

    RispondiElimina
  5. quanto ti capisco! cammino al tuo fianco...

    RispondiElimina
  6. Emozioni della crescita.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Stessa esperienza.... stesse emozioni.... stesse preoccupazioni.... stessa fiducia nel futuro....

    RispondiElimina
  8. sembra così grande..e così felice!

    RispondiElimina
  9. E' proprio un fiore, questa ragazza grande. E' sbocciata ... ed è bellissimo vederla così piena di entusiasmo!
    La piccola Alice non è più tanto piccola.
    Vi voglio bene!

    RispondiElimina
  10. ciao sono una tua nuova follower se ti va ricambia http://cosesemplicidituttounpo.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. Io sono ancora lontano da questo ciclo, ma già ci penso.
    Ogni tappa dei nostri figli è importante, e lo è altrettanto che ci trovi preparati anche noi come genitori.

    RispondiElimina
  12. me lo chiedo ogni giorno, già da adesso...

    RispondiElimina
  13. me lo chiedo ogni giorno....belle le tue riflessioni!

    RispondiElimina
  14. Leggo solo ora... meraviglia... ma felice di essere qui a riprendere l'anno con te e le tue splendide ragazze!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Giorgia!!!! Ma che bello il tuo blog!!
    Complimenti fai delle foto bellissime e sai cosa mi suscita il tu blog.......allegria!!!
    Brava.........naturalmente nuova follower!!!
    Ti va di passare da me?? Se si .............ti aspetto!!!
    A presto!
    Claudia - Gli eventi di Claudia -

    RispondiElimina