venerdì 25 gennaio 2013

Il mondo di Vermeer

Sono dell'idea che i bambini possono imparare molto andando a vedere una mostra ma tanto dipende da noi che li accompagnamo. Personalmente , prima di andare,chiedo sempre aiuto ai miei amici cartacei. Un buon libro è capace di coinvolgere, incuriosire e fornire quegli elementi che non faranno annoiare le mie figlie durante la mostra.


L'ultima volta  che ci siamo serviti del binomio mostra - libro è stato un successo! Stavolta ci siamo immerse nel mondo lontano di Vermeer, letteralmente catapultate nella sua casa. Il libro che ho scelto per preparaci alla visita è quello che è stato commissionato apposta in occasione della mostra per fornire ai ragazzi un modo per avvicinarsi all'artista in modo divertente. Si tratta di intervista a Jan Vermeer di Uguccioni e Sarti 

"Senti Carlo perché non andiamo a farci un giro al museo della scienza? Io vorrei scegliere un artista un po...non so... scienziato" Da qui l'inizio dell'avventura di due ragazzi che entrando nella camera oscura del museo si ritrovano improvvisamente a Delft, città natale di Vermeer. I bambini ci mettono un po a capire che sono nel 1600 e che quell'uomo con tanti figlio è proprio il famoso pittore. Lo seguono per giorni fino a che l'artista li coinvolge nella stesura dei suoi quadri spiegandone i trucchi e le tecniche. Un ottima idea per raccontare una storia che incanta e coinvolge, per imparare piccoli trucchi da grandi artisti

I protagonisti entrano e escono da case del seicento dove la luce filtra appena dalle finestre, attraversano vicoli e canali della città Olandese imparando tutto quello che c'è da sapere di Vermeer.


Finito il libro si va alla mostra...


... e li ritroviamo tutte le parole lette, la prospettiva realizzata con la camera oscura, il blu lapislazzuli e alcuni dei suoi quadri
Con questo partecipo al venerdì del libro di Paola







24 commenti:

  1. Sono pienamente d'accordo! Buona giornata

    RispondiElimina
  2. sei davvero una mamma stupenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sento sempre una mamma che potrebbe fare molto di più...

      Elimina
  3. Bello il libro, bello il post. Condivido tutto. La mia bimba è più piccola delle tue ma io già faccio così: ci "prepariamo" con qualche lettura sempre prima di viaggi o gite, o visite ai musei (che per ora sono di Storia Naturale, o Scienza e tecnica, ma ho scoperto che aprrezza anche l'arte contemporanea). Segno il tuo consiglio di lettura, a me Vermeer piace molto. Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  4. Oh, che meraviglia questo libro! Anch'io amo (ho sempre amato) andare per mostre e musei e vedo che anche le bimbe se il tutto è presentato nel modo giusto amano la cosa!

    RispondiElimina
  5. Te l'ho già detto, oggi confermo: le tue figlie sono davvero fortunate, hanno una madre che sa regalare loro mondi meravigliosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marilù ma moltissime mamme lo fanno io lo condivido con la rete tutto qui. Un abbraccio

      Elimina
  6. Ciao Giorgia,
    noi ieri siamo andate a caccia di elementi e dettaglie alla mostra di Picasso qui a Milano.
    Lo racconterò presto!
    Molto bello il libro che proponi. Me lo segno! Grazie
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Bè, allora ti consiglio Vermeer e il codice segreto, ne ho parlato in un post che avevi commentato, mi permetto di lasciarti qui la recensione... http://laproffa.blogspot.it/2012/11/un-libro-un-mondo-veermer-e-il-codice.html

    RispondiElimina
  8. Anche noi dobbiamo cominciare a portare Federico in giro per mostre ... è giunta l'ora!!!

    RispondiElimina
  9. Hai perfettamente ragione. Concordo. E questo libro è veramente troppo bello: educativo e coinvolgente! Un abbraccio forte forte! <3

    RispondiElimina
  10. Mi sembra un modo bellissimo di abbinare amore per la lettura ad amore per l'arte più in generale: brava Giorgia!
    E questo libro poi deve essere proprio interessante.

    RispondiElimina
  11. Mi sembra verissima questa cosa, come per la gran parte delle arti o studi se si riesce a farli divertire c'é anche la possibilità di farli appassionare così tanto da diventare una vera e personale passione del bambino!! sei davvero una bravissima mamma!!

    RispondiElimina
  12. bellissimo libro e mostra... ora mi informo per andare a vederla io!! :-)

    RispondiElimina
  13. ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  14. Spettacolo!peccato sia cosi lontana ...
    Immagino tu abbia gia' letto L' orecchino di perla, VERO?
    Altrimenti te lo consiglio al 100%

    RispondiElimina
  15. Sempre geniale nel tuo modo di porti con i piccoli.

    Buona domenica!

    RispondiElimina
  16. Bellissimo, questa iniziazione all'arte intelligente e accattivante!

    RispondiElimina
  17. Ottimo suggerimento Giorgia: da piccola adoravo andar per mostre e musei. E quelle visite mi hanno lasciato emozioni e ricordi vividi. Non vedo l'ora che il mio Binotto sia grande abbastanza!
    Buona domenica,
    a presto!
    :-)

    RispondiElimina
  18. Concordo... non si possono mandare i nostri figli allo sbaraglio in nessuna situazione... tantomeno si può tentare di avvicinarli all'arte senza un dovuto accompagnamento preventivo.

    RispondiElimina
  19. Ottimo libro! mi ispira tantissimo! Grazie! ciao!!!

    RispondiElimina