domenica 19 febbraio 2012

Immagini per raccontare (foto della domenica)

La mia scelta per la foto della domenica  ricade oggi su due miei click un po datati ma espressione dei ricordi di questa settimana. Più occasioni hanno contribuito a far di nuovo parlare questo viaggio e le mille emozioni che ancora oggi porta con se.


Un piccolo Masai


Un viaggio può insegnare molto anche se è solo raccontato da colui che lo ha intapreso.
Un album impolverato, tante domande, stupore, perplessità, diversità, questi alcuni degli ingredienti per un piacevole pomeriggio insieme alle mie figlie, raccontando di un continente lontano, vissuto per intero, mangiando e dormendo con abitanti del luogo, riportando emozioni, esperienze e consapevolezze amare.
La terra è rossa, l'erba è verde, la luce è intensa, il cielo azzurrissimo è più vicino alla terra di quanto non sia in altre latitudini.
Colori, profumi e silenzi che non troverò in nessun altro posto.
Un continente che si capisce solo se si impara a rallentare ed ascoltare!



Il Baobab





"Non era soltanto la bellezza selvaggia del territorio. Non erano soltanto gli odori intensi di polvere e di elefanti, dei gelsomini e dei fiori della luna né l'incredibile concerto degli uccelli che cantavano con voci liquide nei pomeriggi assolati.
Non erano soltanto il profilo delle colline e i brevi tramonti viola, i colori vividi dell'ibisco e del cielo e dell'erba verde, o l'emozione di un fruscio improvviso delle fronde o del volo di un francolino impaurito mentre camminavo sola nella boscaglia, né la sorpresa del leopardo immobile come una statua nel plenilunio..."
                                          SOGNANDO L'AFRICA DI KUKI GALLMANN






22 commenti:

  1. che bellezza... mi sono venuti i brividi... uno dei miei più grandi desideri è di poter visitare e conoscere l'Africa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te lo auguro... magari quando i tuoi bimbi saranno più grandi per vivere al meglio l'esperienza.

      Elimina
  2. In questa descrizione e nelle foto mi hanno colpito i colori, intensi e forti... Brava. Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono proprio quelli che rimangono a lungo nei ricordi

      Elimina
  3. Risposte
    1. Sono contenta che arrivi anche a voi.

      Elimina
  4. E' così strano vedere tutta la bellezza di questo continente unita alla tristezza di quello che manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, bellezza e tristezza.

      Elimina
  5. Queste immagini regalano infinite emozioni. Grazie per averle condivise con noi!
    Francesca

    http://thetraveldiaryblog.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condividere è sempre la parola chiave di questo angolino :-)

      Elimina
  6. Che bello viaggiare e scoprire... :-)
    Ho letto i libri di Kuki Gallman, un po' pesanti ma davvero belli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione, gli eventi tristi della sua vita rendono i suoi libri poco scorrevoli. Pensa che in quella occasione, proprio in quel viaggio io ho avuto il piacere di conoscerla.

      Elimina
    2. Veramente?? Caspita che bell'incontro! Mi pare di aver visto anche il film in cui è narrata la sua storia..

      Elimina
    3. Si veramente, anche io ero incredula.

      Elimina
  7. Che fortuna aver potuto vivere di persona l'Africa, anche se per poco. Queste foto parlano da sole!

    RispondiElimina
  8. La prima foto mi ha colpito.
    Vedere quel bambino col viso ricoperto di mosche ha fatto un centrifugato di emozioni: rabbia, tristezza, compassione, di tutto di più.
    Ste

    RispondiElimina
  9. rallentare e ascoltare... meraviglioso, come le foto. Non potevo non commentare... ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i vostri commenti sono molto graditi.

      Elimina
  10. Mi è appena salita a mille la voglia di andare in Africa... pur con tutti i suoi problemi, ha un fascino e un'attrazione incredibili... e poi chiaramente c'è il desiderio di poter fare qualcosa per bambini come quello che hai ritratto nella prima foto...

    RispondiElimina
  11. nessun bambino dovrebbe vivere un solo secondo nelle condizioni di quello che tu hai fotografato...

    RispondiElimina