venerdì 30 marzo 2012

Lisbona formato famiglia!

Con questo post inizio finalmente a condividere con voi anche la mia passione per i viaggi, la prima delle mie passioni. Fin da piccola, quando seguivo con gioia i miei genitori nei loro spostamenti, ho sempre pensato che i viaggi fossero sinonimo di qualcosa di bello Quando sei piccolo il viaggio è stupore e scoperta, poi si cresce e arriva l'emozione, la libertà, la conoscenza del diverso. Quando si diventa mamma invece ti rendi conto che non c'è miglior scuola di vita  di un viaggio e quindi si inizia a partire per i nostri figli e con loro il viaggio si arricchisce poi... cosa succede in seguito ve lo dirò tra qualche anno!
 Durante un viaggio si vivono emozioni e sensazioni che restano impresse nella memoria e questo mi permetterà di raccontare viaggi fatti anche diversi anni fa, di trasformare i miei "diari di bordo" scritti su dei blocchetti, che conservo gelosamente, in una rubrica del mio blog.
 Sono rimasta legata emotivamente ad ogni mio viaggio.
 I miei viaggi hanno due momenti fondamentali: la partenza, con il carico di aspettative, motivazioni, fantasie, sogni, speranze e  il ritorno con l'elaborazione dell'esperienza, la memoria, il racconto del viaggio.


Inizio con LISBONA una città dalle mille sfaccettature e dove  è facile imbattersi in un’umanità multicolore,

"Ogni uomo venuto a Lisbona è al tempo stesso colpito dalla incomparabile bellezza del bacino del Tago, dal panorama che è possibile ammirare dalla sommità dei suoi sette colli, dai suoi giardini e monumenti, dalle sue più antiche strade e più recenti arterie".  

Non potevo iniziare in maniera diversa, chi meglio di Pessoa può parlare di Lisbona? E saranno proprio le sue parole a supportarmi in questo racconto di viaggio.
Lisbona è una città perfetta per trascorrere qualche giorno insieme ai propri figli. Amichevole e sicura, dal clima mite e facilmente percorribile a piedi, offre inoltre attività pensate appositamente per i bambini, sia a l’aria aperta che al chiuso



Affrontare la città con un "giro classico" è quello che generalmente faccio per familiarizzare con il posto per poi dedicarmi ai luoghi meno frequentati che sono quelli che preferisco. Risalire il colle lungo una strada sinuosa che porta alla cattedrale Se, è la prima cosa che abbiamo fatto. La cattedrale si trova nel quartiere dell'Alfama che si estende dal Tago fino su al castello San Giorgio. Questo antico quartiere di pescatori ancora conserva gran parte del suo aspetto originale.
"Il turista avrà la nozione, che non potrà essergli data da nessun altro luogo, di come era Lisbona in passato. Qui ogni cosa evoca il passato; l'architettura, il tipo di strade, gli archi e le scalinate, i balconi  le genuine abitudini della gente che vive una vita piena di timore, di chiacchiere, di canzoni, di povertà e di sporcizia." Questo che un tempo era un quartiere malfamato (era solo il 1998) ora si presenta come un insieme di case arroccate, colorate e  con la facciata adornata di tipiche piastrelle. L'Alfama è piena di ristoranti dove baccalàFado fanno da padroni, vale a dire la pietanza e il canto tipici della tradizione portoghese





Nella parte alta dell’Alfama si apre il ‘miradouro’ (terrazza panoramica) di Santa Luzia con azulejos che decorano la terrazza fin sul parapetto. Questo, come altri scorci a Lisbona, la caratterizzano in maniera inequivocabile. L’alternarsi di scorci e panorami è una caratteristica propria di Lisbona.




 


 Risalendo ulteriormente il colle, si arriva al castello di Sao Jorge di origine araba. Il castello è il punto dominante della città e merita una visita soprattutto per lo splendido panorama che si gode dalle mura di cinta e dalle terrazze ombreggiate di pini







 La particolare morfologia urbana di Lisbona è dovuta al fatto che, come Roma, è costruita su sette colli ed esplorarla è un continuo saliscendi di strade trafficate o vicoli scoscesi.

Ogni zona sopraelevata si propone come “balcone” naturale dai quali si aprono privilegiati punti di osservazione sulle piazze e le vie sottostanti mettendo a nudo i disegni di un piano urbanistico reso necessario dopo il terremoto del 75 con il seguente maremoto che rasero al suolo tutta la zona bassa della città. Il Marchese di Pombal è l'artefice del nuovo piano urbanistico . Tabucchi l'ha definita  una “città che non risponde a nessuna logica topografica”


Scendendo in città si entra nella Baixa, questo quartiere,  si presenta come un reticolato fatto di strade perpendicolari e parallele. Riconoscibile la rua Augusta dove l’arco ad una estremità proietta lo sguardo verso il Tago e verso l’antico porto. Superato l’arco, si arriva fino al fiume,  attraversando la bella Praça do Commercio.

 “La Praça do Comércio, occupa uno spazio enorme, perfettamente quadrato, bordato su
i tre lati da edifici in stile uniforme dagli ampi archi di pietra. Il quarto lato della piazza, a sud, è formato dallo stesso Tago, assai ampio in questa parte . L’aspetto generale della piazza è tale da offrire un’impressione di piacevolezza anche al più esigente dei turisti.

Questo immenso spazio è particolare perché l’enorme edificio di color giallo vivace (il colore Reale) trasmette una piacevole sensazione di accoglienza. Qui era il luogo dove sorgeva il palazzo reale , sostituito con Praça do Commercio nel periodo di ricostruzione succeduto al terremoto. . “Sulla parte alta della piazza, di fronte al fiume, si trovano tre strade parallele; quella di mezzo è arricchita da un magnifico arco trionfale di grandi dimensioni. Rua do Ouro, a causa della sua importanza commerciale, è la strada principale della città. Quasi al termine superiore della strada, sul lato sinistro se la si risale, c’è l’ascensore di Santa Justa.  E’ uno dei belvedere di Lisbona e suscita sempre grande ammirazione nei turisti di qualsiasi provenienza.”
 Le altre parallele sono costituite da Rua Augusta e Rua da Prata e  Rua dos Correeiros dove, oggi, si succedono diversi ristoranti.Proseguendo verso l'altro lato rispetto al fiume, si arriva in Praça Dom Pedro IV (chiamata ‘Rossio’) e in Praça da Figueira. Queste due piazze sono divise su un lato da un unico palazzo che fa da semplice divisorio. La contiguità dei due spazi non li ha resi però simili. Praça da Figueira, nonostante le dimensioni, è un luogo intimo della città,  con un  costante via vai di gente che aspetta tram e bus o che si affaccenda in negozi che sembrano di altri tempi e tuttìaltro che di lusso!  Il 'Rossio' (Praça de Dom Pedro IV) “si tratta di un vasto spazio quadrangolare bordato su tutti i lati, eccetto quello a nord, da edifici di ‘stile Pombal’; transitandovi tutte le linee di trasporto, è il vero centro di Lisbona. .” 

La pavimentazione in sampietrini bianchi e neri riproduce le onde del mare e da quasi un aspetto a tre dimensioni della piazza. 

Sugli altri lati della piazza si aprono pasticcerie, negozi ed eleganti caffè. In una delle numerose pasticcerie ho assaggiato i favolosi ‘pasteis de Belèm’, tortini alla crema tipici di Lisbona. Buonissimi e assolutamente da provare ma fatelo nel quartiere Belem vicino al Mosteiro dos Jerónimos .
Guardando in alto, sul colle opposto a quello del castello, si scorgono le rovine della Igreja do Carmo, nudo scheletro dalle bianche ossa della cattedrale do Carmo, spazzata via dalla furia del terremoto. Proseguendo dalla stazione verso nord “entriamo nella grande Avenida da Liberdade o, per essere più precisi, nella Praça dos Restauradores, che ne è l’inizio. La Avenida da Liberdade (cioè viale della Libertà), aperta nel 1882, è la più bella arteria di Lisbona, piena di alberi dall’inizio alla fine, e comprende piccoli giardini, laghetti, fontane, cascate e statue. Sale con una pendenza impercettibile ed offre una magnifica prospettiva. “L’Avenida termina in  Praça Marques de Pombal. È il luogo scelto per l’erezione del monumento a questo grande statista portoghese.  Costeggiando sulla sinistra Praça Dos Restauradores si trova uno dei pochi “Elevador” ancora in funzione che per un paio di euro permettono di risalire la collina fin sulla zona alta del Bairro Alto. Qui ora ci sono locali ricercati, spesso chic, e regalano al quartiere un aspetto giovane, da 'movida'; molto al disopra di quanto erano pochi anni fa. Se siete amanti del vino non mancate di fare un salto al ‘Solar do Vinho do Porto’ per assaggiare il famoso liquore portoghese.
 Del Bairro Alto è senza dubbio da citare la Igreja de Sao Roque, vera perla del quartiere,  nello stile del periodo d'oro Portoghese. Scendendo dal Bairro Alto al Chiado "c’è il Largo do Carmo, dove un tempo sorgeva il Convento do Carmo, " Ora gli scheletri degli archi della chiesa carmelitana (un tempo tra le maggiori di Lisbona) ospitano il museo archeologico della città.
 "L'ingresso principale, formato da un portale con sei arcate
ogivali, è uno dei più belli dei suoi tempi." La piazza antistante il museo è tranquilla e bellissima in primavera con decine di alberi dai profumati fiori lilla e foglie di un verde acceso.

 Per riscendere alla Baixa si può prendere lo storico Elevador de Santa Justa, dove, dal bar sulla sommità, si può ammirare uno splendido panorama che comprende la Sé, il Castello di Sao Jorge, Il Rossio e tutta la Baixa fino al fiume. Proseguendo, invece, a piedi si arriva al quartiere del Chiado, questo è il vero salotto buono della città con boutique di moda, bar e locali notturni di richiamo e gente in giro a tutte le ore del giorno. 

Una volta visitato tutto ciò che è accessibile a piedi siamo andati alla scoperta dei quartieri fuori dal centro.


Belen è il primo ad attirare il nostro interesse. Per arrivare a Belém prendiamo il tram n. 15 da Praça da Figueira. In questa località, a pochi km. dal centro della città, si trovano gli stupendi monumenti del periodo aureo della storia del Portogallo. La Torre di Belém fu voluta dal re Manuel I. Fu costruita, a difesa della città, dentro il fiume.  Oggi il Tejo si è ritirato e la Torre sfiora la terraferma, alla quale è collegata da un ponte di legno.


 Il Mosteiro dos Jerónimos è un capolavoro architettonico assoluto.

 L’esempio più alto di quello stile manuelino – dal nome del sovrano dell’epoca – che si caratterizza come un tardo gotico, eccessivo e ridondante. Sovraccarico di figure, rilievi e stemmi in pietra che riempiono ogni spazio del Monastero.
 Lungo il Tejo, il Padrão dos Descobrimentos  il teatro a cielo aperto della città!







Un'altr parte della città meritevole fuori dal centro è la zona nuova situata ad est della città chiamata Parque das Nacoes
La parte vecchia di Lisbona dal fascino un po' decadente, ma dinamica e cosmopolita, si fonde armoniosamente con la parte nuova del Parque das Nacoes, futurista e "in progress".  
Questo immenso quartiere è stato rivoluzionato in seguito all'Expo del 1998, quando, svuotati gli enormi padiglioni espositivi si è pensato bene di dargli nuova vita riconvertendoli in strutture ricreativeuffici e abitazioni. Sempre in quella occasione fu progettata dal famoso architetto spagnolo Calatrava  la  Gare do Oriente, una stazione avveniristica per metro treni ed autobus. Li possiamo vedereil ponte Vasco de Gama 18 km per unire le due sponde del Tejo, il ponte più lungo d'Europa . Se siete insieme a vostri figli non perdete  l’ Oceanário de Lisboa, il secondo acquario più grande al mondo, visibile su due livelli. Noi l'abbiamo saltato perchè da poco visitato quello di Genova.. I bambini gradiranno anche il  ilTeleferico  che è una struttura altrettanto spettacolare che collega i due lati estremi del parco.




Mi raccomando lasciate la città senza aver fatto un giro sul mitico tram giallo 28, su e giù per gli stretti vicoli dell’Alfama, dove le rotaie sfiorano le basse case arrampicate sulla collina. Chi si affaccia alle finestre, per un attimo si ritrova a tu per tu con i viaggiatori in transito!
Tra i mezzi da utilizzare nella visita di Lisbona, non possono mancare gli elevadores, le tipiche funicolari della città. 




Questa è anche la città delle librerie. Tante. Ci sono quelle fasciate da antiche pareti di legno scuro ricolme di libri, come la Livraria Bertrand Chiado, Rua Garrett 73, e quelle piccole, con i pavimenti e ogni dove coperti da colonne di riviste, pubblicazioni e stampe impilate, come quella in Calçada do Carmo.



Due parole merita, senza dubbio, anche Sintra .raggiungibile dalla stazione ferroviaria Rossio,  Un treno ogni 20 minuti. Ventotto km che si percorrono in una mezz’ora.

Sintra si trova a 300 metri di altezza, circondata da boschi e foreste, con un microclima umido e fresco anche in estate.tappa obbligata il Palácio Nacional da Pena, questo è davvero il castello delle fiabe.
L’architetto prussiano che lo costruì, fuse lo stile manuelino con influssi gotici e barocchi portati all’estremo della fantasia. Gli imponenti bastioni che dominano la valle e le torri di avvistamento, i balconi come le finestre - dagli improbabili colori pastello che sfumano dall’ocra al rosa e al verde.



Le parole tra virgolette sono di Pessoa e le foto in gran parte di mio marito David
Con questo post entro con gioia a far parte del viaggio emotivo

35 commenti:

  1. Che bel post. Per me che non ho fatto poi tanti viaggi nella mia vita è stato un modo per vedere ciò che non ho mai visto. Grazie :-)

    RispondiElimina
  2. Bellissime le foto...io non sono mai stata a Lisbona e queste immagini mi hanno fatto tornare alla mente quando un giorno io, ancora bambina, ricevetti da mia nonna un centinaio di cartoline che aveva acquistato proprio a Lisbona durante uno dei suoi tanti viaggi...
    Grazie per avermi evocato questo bellissimo ricordo attraverso questo post :-)
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego Evelin, appena avrai occasione vai a visitarla

      Elimina
  3. Non sono mai stata a Lisbona..... bellissime foto e posti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono rimasta piacevolmente sorpresa da questa città

      Elimina
  4. Lisbona è una di quelle città che mi si è conficcata nella pancia... Che saudade.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che sia una di quelle città che o la ami o la odi.

      Elimina
  5. ma che bel post! e foto bellisime, complimenti davvero...anche a david!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, ci tengo molto a questo post

      Elimina
  6. Post stupendo! Noi a Lisbona non ci siamo ancora stati ed è ai primi posti dei prossimi viaggi. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla foto del tuo blog avrei detto il contrario. Allora devi organizzare. Quando sarà sono a disposizione :-)

      Elimina
    2. hai ragione, la foto l'ho presa dal template di WP. Ma poichè ha tratto in inganno molti, ho cambiato foto e template ;-)

      Elimina
  7. Ah, che bello mi hai fatto rivivere i miei viaggi a Lisbona e in Portogallo. Sintra poi è........... fantastica!!! Lì vicino c'è anche Cabo da Roca, il punto più occidentale d'Europa.... veramente suggestivo, soprattutto se l'oceano è in tempesta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, sono contenta di vederti qui. Non sono riuscita ad andare a Cabo da Roca che deve essere molto bello... una scusa per fare un'altra parte del portogallo.

      Elimina
  8. Tesoro, che bel post! Mi hai fatto tornare a Lisbona, leggendoti.
    Ho proprio voglia di vacanze e tu me la fai aumentare!
    Abbiamo quasi deciso la meta di questa estate... In camper.
    Fatti sentire
    Giorgia dei Mostri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici la mia voglia cresce con il crescere degli impedimenti! Ci sentiamo presto

      Elimina
  9. Pensa che ci ha vissuto mia cognata e non sono riuscita ad andare a trovarla..a me ricorda un po' genova..magari no..ecco.devo andare a verificare.. Hi hi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Genova la conosco poco, abbiamo visto solo l'acquario ma non mi sembrano simili.

      Elimina
  10. bellissima pagina sorellina, scritta in modo accattivante con delle bellissime foto. anche a me Lisbona è piaciuta molto ha un'atmosfera serena e gioiosa rilassante!
    immaggino quando parlerai del Kenia! BRAVISSIMA <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, se per scrivere questa ci ho messo 3 settimane per l'Africa mi ci vorranno 2 mesi!

      Elimina
  11. Sono felice che tu abbia deciso di condividere anche la tua passione per i viaggi che come sai è anche la mia! :-D
    Bellissimo il tuo viaggio a Lisbona e il collage di foto!
    Un caro saluto
    Francesca

    http://thetraveldiaryblog.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca, non potevo non inserirlo nel blog che parla di mie passioni. :-). Un caro saluto anche a te

      Elimina
  12. è il mio sogno andarci con i bimbi..prenderò spunto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si vale la pena, quando andrai sono a disposizione per consigli.

      Elimina
  13. le tue foto sono bellissime. Piene di Cuore! è un bel dono anche per chi le guarda ... Lisbona è lisbona... magari anche io un giorno con la mia famiglia extra large ... ci andrò! complimenti ....

    RispondiElimina
  14. Grazie! :-) certo la famiglia numerosa non agevola i spostamenti ma sicuramente li rende speciali.

    RispondiElimina
  15. Un'idea di viaggio che coltivo da tempo, ma ancora non sono riuscita ad attuare... si può fare secondo te in un week end lungo? Perché devi sapere che non sopporto il caldo mentre viaggio, quindi non vado d'estate in luoghi caldi... per cui dovrei approfittare di una vacanza breve... ecco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si, io l'ho fatta in un week-end lungo. Certo peccato perdersi i dintorni perchè altrettanto meritevoli ma in quel caso magari 3-4 giorni non bastano. Io,invece, non sopporto il freddo quando viaggio

      Elimina
  16. Ah che bello!
    Quanti ricordi a Lisbona, è un po' che vorrei tornare anche con la piccola, ho rivisto con piacere le immagini di una città che amo molto. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io conservo piacevolissimi ricordi, le bambine ne parlano spesso. Quando cominciano ad essere più grandicelli imparano molto da questa esperienze.

      Elimina
  17. Stupenda...ci sono andata con la famiglia di mia sorella e la loro ragazza alla pari portoghese. Un´esperienza magnifica! I bimbi poi si sono veramente divertiti e hanno parlato un po´di portoghese (insegnatogli dalla ragazza alla pari).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao benvenuta, questa città c'è chi la ama e chi la odia

      Elimina
  18. Vedo che avevo già commentato... ma ora ti ringrazio di aver partecipato a Love of Learning!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un piacere, viene a lasciare la tua riflessione sul post di domenica, mi piacerebbe avere la tua testimonianza

      Elimina