domenica 4 marzo 2012

Una foto per tornare indietro nel tempo!

Ormai la domenica è diventata anche occasione per raccontare esperienze passate, i miei album fotografici sono diventati libri da sfogliare per scoprire mondi lontani. Oggi le bambine hanno tirato fuori il Marocco. "Mamma ci racconti un po di qusto viaggio?"
Ed eccovi le due foto che preferisco con le quali partecipo anche all'iniziativa di foto della domenica



Fes
Le concerie della città si trovano ai margini della medina: per allontanare il tremendo fetore
Il trattamento delle pelli,  un procedimento lungo 20 giorni, rimasto pressoché invariato dal Medioevo. Si scuoiano mucche, capre, pecore e cammelli. Le pelli vengono poi poste in una vasca di acqua e sangue, per rinforzarle.
Per la  colorazione le pelli vengono poi immerse nell'urina degli animali e negli escrementi dei piccioni per ammorbidirle.
I conciatori lavorano immersi nelle vasche dei colori naturali: per il giallo si usa lo zafferano, per l'azzurro l'indaco e per il rosso i papaveri. Infine, le pelli sono lasciate asciugare al sole per essere trasformate in borse, lampade o babbucce (pantofole marocchine)
Le condizioni di lavoro hanno generato leggende che rappresentano i conciatori come demoni condannati a una vita infernale.
Accettate l'offerta di un rametto di menta da metere sotto le narici  serve a coprire il fetore!

Marrakesh

18 commenti:

  1. Il Marocco mi affascina, soprattutto da quando le mie alunne marocchine me ne parlano con calore ed entusiasmo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello avere diverse culture all'interno di una classe, ascoltare testimonianze e racconti è arricchimento per tutti gli studenti.

      Elimina
  2. ...rametto? mi sa che sradico una pianta!
    dev'essere stato un viaggio straordinario quello che racconti. e credo tu l'abbia fatto con lo sguardo più bello :0)
    per lavoro, ho conosciuto alcuni marocchini: persone stupende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti un rametto non era affatto sufficiente! :-(

      Elimina
  3. se chiudo gli occhi risento quel fetore indescrivibile mischiato all'odore di menta che quasi avevo infilato nelle narici per difendermi......però che bel ricordo questo viaggi con le sue meraviglie, i mercatini e la sua gente! Antonella

    RispondiElimina
  4. Adoro i racconti di viaggio e le foto! Grazie per aver condiviso un pochino della tua avventura!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...grazie a voi per aver apprezzato.

      Elimina
  5. Anch'io ricordo l'odore tremendo vicino le concerie, ma anche il profumo di legno di sandalo, i venditori di acqua, i tappeti e i caftani ricamati. Ci sono stata due volte, molti anni fa. Chissà se adesso è ancora bello come allora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso che ci penso un altro odore forte nei miei ricordi... il cumino!

      Elimina
  6. Che bello! Ricordo quando ero piccola e prendevo l'album polveroso del viaggio in Russia di mio padre per farmelo raccontare! Per questo stampo sempre le mie foto e faccio scrapbooking... toccare le foto, mettersi l'album sulle ginocchia e raccontare... questo è il senso di una foto e ancor di più se lo si fa coi propri figli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te le foto bisogna sfogliarle. Le mie figlie adorano questo momento e io con loro

      Elimina
  7. Altro che foto digitali salvati in cartelle! Io sono pazza per gli album, ci metto tutta la mia fantasia, ci scrivo di tutto e adoro averli a disposizione senza dover accendere il pc!

    RispondiElimina
  8. Grazie per esser passata nella mia tana.
    Davvero belle queste foto, ed interessante la storia che raccontano.
    Un caro saluto e buona giornata!
    Mopo

    RispondiElimina
  9. Che esperienza vedere queste vasche piene di colore e immagino la stretta al cuore che hai provato guardando i conciatori e le loro condizioni di lavoro..
    Un bacio
    Francesca

    http://thetraveldiaryblog.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Passa da me! Ho un premietto per te!

    RispondiElimina
  11. Appena vista la foto mi sono ricordata di un bel docu in cui facevano vedere la concia e la tintura delle pelli, non fa' strano vedere come in certi paesi il tempo sembra essersi fermato ?

    RispondiElimina
  12. Belle le foto! Mi fanno venire voglia di fare un viaggio da quelle parti. Ricordo ancora quando un amico anni fa mi raccontava delle concerie nelle vasche di pietra... E anche della puzza!!! :)
    Mi piacerebbe vedere tutto l'album di foto, se hai un link...

    RispondiElimina